Revisione cicatrici Firenze

Le cicatrici sono il risultato finale del processo biologico relativo alla guarigione di ferite dovute a traumi, ustioni, acne o interventi chirurgici. Tale processo può essere più o meno lungo e articolato, giungendo a compimento anche dopo mesi o anni. Spesso le cicatrici cutanee permanenti, per ragioni estetiche, possono rendere necessaria una correzione chirurgica al fine di ridurre i segni sulla pelle.

Esistono diverse tecniche per la correzione chirurgica di cicatrici e cheloidi, le quali prevedono l’utilizzo del bisturi o di laser medicali. Sarà il medico chirurgo a determinare – in base alla tipologia e alle dimensioni della cicatrice – quale particolare tipo di intervento sia il più adatto.

Quali tipologie di cicatrici è possibili trattare?

In base alla loro tipologia e alla causa di formazione, le cicatrici possono essere così classificate:

  • Cicatrici fisiologiche (sono le normali cicatrici che si formano in seguito a traumi, ustioni, interventi chirurgici)
  • Cicatrici patologiche (principalmente associate a malattie o predisposizioni genetiche, si suddividono ulteriormente in ipotrofiche, ipertrofiche, cheloidee)

Come avviene l’intervento chirurgico

L’intervento per la rimozione delle cicatrici si svolge in svolge in regime ambulatoriale e in genere con anestesia locale. L’operazione consiste nell’asportazione della cicatrice e nella successiva sutura.

Nel caso di cicatrici sporgenti rispetto al piano cutaneo circostante, l’intervento prevede l’utilizzo di un laser ablativo CO2.

I risultati

L’esito di un intervento di rimozione di cicatrici è principalmente determinato dall’esperienza del chirurgo e dal tipo di approccio terapeutico adottato, anche se esistono vari fattori (quali disturbi vascolari, carenze proteiche, diabete, fumo) che possono alterare il normale processo di cicatrizzazione.

Generalmente l’intervento chirurgico consente di ottenere un ottimo miglioramento dell’aspetto estetico, con una riduzione importante della cicatrice. È importante comunque ricordare che attualmente non esiste ancora una tecnica in grado di assicurare una definitiva scomparsa della cicatrice.