Capelli più “solari” anche in assenza di hairstyle

Il sole: amico o nemico? La risposta non è mai unanime

Prevenzione tricologica: capelli secchi, sfibrati e “spenti” nel colore

Spesso il sole è il tanto sospirato compagno di vacanze, l’artefice di una pelle dorata, del meritato relax dopo tanto lavoro. Allo stesso tempo, i raggi solari possono rivelarsi tra i principali nemici della pelle e causa di scottature, di invecchiamento cutaneo, fino purtroppo ai tumori dermici.
Sole e acqua salata, inoltre, spesso diventano sinonimo di capelli secchi, sfibrati e “spenti” nel colore.
Ma come recita il detto, “per ogni problema c’è una soluzione, e se non hai trovato la soluzione è perché hai trovato una scusa” (Walid Amharref). Un comportamento friendly da adottare durante le vacanze estive annulla decisamente tutte le componenti negative che il sole può causare!

 

PELLE
I Medici Dermatologi non finiranno mai di ripetere che non bisogna esporsi al sole senza fattore di protezione alto evitando le ore più calde del giorno (dalle 12.00 alle 16.00).

CAPELLI
Molti non sanno che esistono in commercio spray per capelli con fattore di protezione (SPF). Sì, perché anche il capello, come la pelle, subisce negli anni un processo di invecchiamento che il sole tende ad accelerare, velocizzando così la diminuzione dello spessore dello stesso.
È necessario quindi fare prevenzione tricologica nel periodo estivo applicando questi prodotti oleosi (così da mantenere alto il grado di idratazione dello stesso) soprattutto sulle lunghezze della capigliatura, mentre per proteggere il resto della nuca sarà sufficiente indossare un cappellino o un foulard.
Sono olii specifici quelli di cui stiamo parlando: non appesantiscono il capello e non lo fanno “cuocere” al sole.
Insomma, si tratta di un mix di componenti creato ad hoc per dare maggiore vitalità al capello che tenderebbe a seccarsi ulteriormente al sole, complice anche la salsedine, la sabbia oppure il cloro qualora ci trovassimo in piscina.

Per terminare la cura tricologica, non dobbiamo limitarci nelle “coccole” al rientro a casa: impacchi naturali a base di olio e tuorlo d’uovo (uno dei tanti preziosi “rimedi della nonna”), e asciugature naturali senza utilizzo di getti di aria troppo caldi o, ancora peggio, di piastre, ci aiuteranno a non modificare la bellezza dei nostri capelli, evitando di dover fare le corse dal parrucchiere al rientro dalle ferie!
Perché un capello sano non è un vezzo, ma è il frutto di una cura quotidiana che a maggior ragione deve essere intensificata nel periodo estivo!
PREVENIRE è MEGLIO CHE CURARE: mettetevelo in TESTA!